SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Eliambulanze. Da un po’ di tempo volano spesso nel cielo di San Benedetto. L’Asur Marche ha in dotazione due velivoli, che servono tutti i territori.  Le persone fanno queste domande: “Sono aumentati gli incidenti?”, “C’è sotto un giro d’affari?”.

 

La risposta ce l’ha data Masha Parisciani, durante la conferenza stampa sulla sanità del Movimento 5 Stelle.

 

“La Regione ha dato all’ospedale Torrette di Ancona il ‘Trauma center’, che è l’unica struttura clinica delle Marche che può gestire il trauma di dinamica maggiore.

 

L’eliambulanza ha un protocollo da rispettare. La persona traumatizzata deve essere diagnosticata all’ospedale più vicino e da lì trasferita al Torrette. I casi più gravi vanno dritti ad Ancona, senza il passaggio intermedio nel presidio vicino”.

 

In questo modo Ancona ha un notevole movimento. “Il Torrette si tiene in piedi non per gli incidenti che si verificano nell’Area vasta 2, ma per quelli che avvengono nelle Marche”.

 

Secondo quanto riferito dal consigliere Marche M5s Peppino Giorgini l’aumento dei soccorsi con l’eliambulanza non è determinato dal giro di soldi, in quanto si tratterebbe di un servizio gestito dall’Asur. “Ma su questo non abbiamo approfondito”, spiega Giorgini.

 

“Quello che invece è chiaro – conclude il consigliere pentastellato –  è l’aumento degli incidenti nel nostro territorio. Un territorio che d’estate conta un milione di presenze. Motivo per cui è in questa zona che si deve fare il nuovo ospedale, non a Spinetoli”.

 

 

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *