GROTTAMMARE – Lavori in vista per la riqualificazione del Vecchio Incasato di Grottammare. Il comune, nella persona del sindaco Enrico Piergallini, ha confermato l’intenzione di procedere con il progetto, già finanziato e approvato in fase preliminare, per il rinnovo di via Palmaroli, nel tratto compreso tra l’Ospitale e largo di Porta Maggiore.

 

Era già stato deciso di operare affinché l’accesso al Paese Alto fosse prolungato, comprendendo un ingresso che fosse omogeneo rispetto all’architettura della città vecchia. Il progetto prevede infatti la sostituzione della strada asfaltata con un lastricato analogo alla pavimentazione già presente in largo di Porta Maggiore e l’aggiunta di un nuovo edificio all’ingresso.

 

<<Si tratta di un progetto per il quale sono già state accantonate le risorse necessarie e che ha bisogno solo del nulla osta definitivo da parte della Soprintendenza alle Belle Arti – spiega Piergallini – e della condivisione con i privati che saranno interessati da queste modifiche, in quanto il manto stradale fa da “tetto” ad alcune abitazioni sottostanti via Palmaroli. Si tratta di una vera e propria rivoluzione dell’accesso al Vecchio Incassato, che guadagnerà così circa 150 metri in più>>.

 

Pur senza una data precisa, nei prossimi mesi la situazione dovrebbe già sbloccarsi, aprendo letteralmente la strada all’inizio delle operazioni dopo la fine della stagione turistica.

 

Le novità per il Paese Alto non finiscono tuttavia qui. Seppure in fase embrionale, il municipio ha già individuato le aree di maggior interesse per lo svolgimento di ulteriori lavori di riqualificazione. I progetti sono però vincolati al reperimento dei fondi necessari, ma su questo argomento il primo cittadino si dice fiducioso:<<Sono interventi di entità economica molto diversa tra loro: la maggior parte di essi è realizzabile con un esborso di piccola o media entità che verosimilmente le casse del comune potrebbero reperire nei prossimi anni>>.

 

Tra i progetti futuribili, il completamento dell’area di largo di Porta Maggiore con la creazione di una nuova terrazza sopra Porta Marina, accanto a largo Il Tarpato, la sostituzione della pavimentazione stradale con nuovi lastricati in largo del Lavatoio, nei pressi della Chiesa di Santa Lucia, e nelle due terrazze lungo il percorso di via Beata Lavinia Fernardi.

 

Infine, i due progetti più ambiziosi: il primo è il rifacimento dell’intero percorso di via Beata Lavinia Fernardi, con la sostituzione del lastricato attualmente presente, che risale a fine ‘800, con una nuova pavimentazione che renda più agevole il passaggio; il secondo è la creazione di un collegamento tra piazza Stazione e la chiesa di Santa Lucia attraverso la riqualificazione del tratto di strada che da Porta Marina scende fino alla stazione ferroviaria e l’aggiunta di un percorso pedonale.

 

Lo stesso sindaco ha apertamente dichiarato: <<Si tratta di lavori non facili e che potrebbero richiedere un investimento assai oneroso. Sono entrambi annoverati tra i progetti che vorremmo vedere realizzati per l’abbellimento e la riqualificazione del patrimonio storico cittadino, tuttavia ci sarà da aspettare la pubblicazione di un bando regionale, nazionale o europeo adeguato tramite il quale reperire i fondi necessari per affrontare una simile spesa>>

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *