SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Durissimo il consigliere del Psi Marco Curzi: «Piunti tagliatore di nastri e foto sui giornali, incapace di valorizzare lo sport». Curzi si scaglia contro il sindaco Pasqualino Piunti e l’assessore allo sport Pierluigi Tassotti dopo avere letto le dichiarazioni  dei due esponenti dell’amministrazione comunale in merito alla graduatoria sulla “sportività” in Italia, stilata dal quotidiano “Il Sole 24 Ore”. Il Piceno si è piazzato in 12esima posizione, cn l’innegabile contributo di San Benedetto.

 

Curzi è stato assessore allo sport nella giunta Gaspari per due anni (nella foto l’inaugurazione dell’arena del beach soccer, al suo fianco l’assessore di Acquaviva Luca Balletta). Giudica fuori luogo il comunicato di giubilo di Piunti e Tassotti (LEGGI QUI).

 

«Il sindaco non sa più cosa inventarsi – tuona Curzi –  pur di apparire con una foto sui giornali. Sullo sport questa amministrazione non ha fatto nulla di rilevante, sta vivendo di rendita sulle iniziative e le riqualificazioni degli impianti sportivi dell’amministrazione di centrosinistra.  Noi puntavamo su eventi particolari. La beach arena è stata voluta dal sottoscritto che ha quindi puntato allo sviluppo del beach soccer. Fummo promotori dell’Europa league, mettemmo in calendario la prima Winners cup nel 2013 e si parlò di noi sui giornali spagnoli. Noi per anni abbiamo puntato sul binomio sport -turismo, lavorando tantissimo».

 

Ancora Curzi: «Organizzammo il mondiale di pattinaggio a settembre 2011 in collaborazione con Ascoli, per rivitalizzare il turismo fuori stagione: gli alberghi furono pieni per due settimane e Rai Sport trasmise l’evento  in diretta. Realizzammo la pista di pattinaggio su strada nel quartiere Agraria per il pattinaggio mondiale. Quella stessa pista ora si trova in uno stato di abbandono. Con la nostra amministrazione sono state sviluppate o avviate ex novo tante iniziative, come il triathlon olimpico e la Piceno Mare-Monti.  Con la ‘Smart Stadio’ Enrico Varriale si collegò in diretta Rai e candidammo San Benedetto a Città europea dello sport, seppure non riuscimmo a centrare l’obiettivo».

Sbotta Curzi: «Questa è un’amministrazione con assessori fantasma. Tutto è concentrato sulla figura del sindaco. Mi dicono che gli assessori non sanno quando si riunisce la giunta o quali delibere devono votare, non sanno nulla: sono all’oscuro di tutto. Ho saputo dai bene informati che votano le delibere a scatola chiusa. La città ha bisogno di amministratori capaci, che conoscano la macchina comunale e sappiano quello che approvano nell’esecutivo, perché le delibere riguardano la vita della popolazione sambenedettese».

 

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *