SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una lettera per Gianni Morandi. L’ha inviata questa mattina al popolare cantante l’imprenditore della Recfer Roberto Capocasa, chiedendogli di fare una visita al centro di riabilitazione per disabili di San Benedetto. Perché? «Ieri – spiega Capocasa – eravamo a pranzo con i ragazzi del Centro. La casa famiglia del Biancazzurro ospita una ragazza che non parla, si chiama Simona. Ieri, in maniera inaspettata, ha parlato: ha detto di volere vedere Gianni Morandi».

 

Questa mattina Capocasa ha scritto a Morandi nei tre profili di Facebook. «Buongiorno sig. Gianni  – così inizia la lettera di Capocasa – sono un imprenditore che ama dipingere, il ricavato della vendita dei quadri va tutto ad un Centro per disabili che abbiamo qui a San Benedetto del Tronto. Con l’estate ho venduto diversi quadri e con i soldi abbiamo portato a scaglioni i ragazzi in un ristorante al mare. Mentre eravamo lì con una disabile di nome Simona, che non ha nessuno e vive dentro la casa famiglia e che non parla mai, mi ha chiesto: “Mi fai venire Gianni Morandi?”. Sinceramente mi si è stretto il cuore, ma se un giorno dovesse passare da queste parti e avesse 10 minuti da dedicare a Simona e a tutti quei ragazzi che sono nel Centro Biancazzurro – conclude l’imprenditore sambenedettese – sarebbe un miracolo per me e per loro. Buona giornata».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *