ROMA – Incontro a Roma per il Movimento 5 Stelle San Benedetto con il direttore generale del Centro Agroalimentare di Roma (CAR) nonché presidente di Italmercati, dott. Fabio Massimo Pallottini, con la partecipazione dell’amministratore delegato, dott. Francesca Perotti e del coordinatore tecnico Bernardino Gasparetti per il Centro Agroalimentare Piceno e con la partecipazione della rappresentanza degli operatori del settore.

 

 

Il CAR di Roma rappresenta una eccellenza nazionale ed europea del settore, un esempio di una partecipata pubblica virtuosa, presentando un bilancio in utile da diversi anni ed è un grande esempio di sviluppo e tutela  del settore agroalimentare.

 

 

La richiesta di appuntamento, avviata grazie ai contatti attuati dal senatore Giorgio Fede e dal consigliere regionale Peppe Giorgini del Movimento 5 Stelle, ha riscontrato l’immediata disponibilità e l’interesse del Dott. Pallottini che si è mostrato subito molto interessato a vagliare il progetto di valorizzazione del Centro Agroalimentare.

 

 

«Durante l’incontro si  è parlato di una proficua collaborazione – dichiara il gruppo del Movimento 5 Stelle -, anche con Italmercati che rappresenta l’unione nazionale dei principali mercati italiani che organizza eventi ed iniziative atte a valorizzare il settore agroalimentare. L’incontro valutato da entrambi le parti più che positivo, si è concluso con alcuni punti fermi: la continuità aziendale del Centro Agroalimentare Piceno e con l’incontro già fissato per metà giugno, ove lo stesso Dott. Pallottini verrà a visitare il nostro centro».

 

 

«Dopo una storia di nubi grigie nel mondo dell’agroalimentare, finalmente l’incontro odierno apre a nuove speranze per il settore ed a una ipotesi di sviluppo per i settori agricoli ed ittici del piceno – conclude il gruppo Movimento 5 Stelle -. Il settore agroalimentare nelle Marche  è in crescita, con aumenti di fatturato, cercare di far rinascere le nostre infrastrutture è un doveroso impegno per cui dobbiamo lavorare per mantenere il livello occupazionale e renderlo volano di uno sviluppo futuro di tutto il territorio piceno».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *