Sanità, la diffida c’è: ora mancano solo le firme di consiglieri e assessori