SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb perde 2-0 in casa contro il Renate all’esordio e mister Giuseppe Magi è scuro in volto nel post match. Ecco la sua analisi in sala stampa:

 

«Oggi sono emerse delle difficoltà, abbiamo giocato poco da squadra, vivevamo solo di fiammate individuali. Ci abbiamo messo del nostro, siamo stati troppo leggeri, ho provato a cambiare qualcosa ma quando le partite si mettono così non è facile recuperare. Il presidente Fedeli ha voluto parlarmi a fine gara, ma è stata solo una chiacchierata costruttiva. Questa sconfitta ci fa capire che dobbiamo affrontare un campionato durissimo, ho voglia di lavorare per cambiare subito la situazione. A me piace il 4-3-3 come modulo, ma se ci sarà da cambiare per mettere i giocatori in condizioni migliori lo faremo. La Samb oggi non ha fatto bene e sono io il primo responsabile, devo fare in modo che le mie idee funzionino. Pretendo di più da me stesso e dai giocatori»

 

Queste, invece, le parole di capitan Francesco Rapisarda:

 

«Se abbiamo perso la partita è perché abbiamo sbagliato qualcosa, quindi dobbiamo ripartire dai nostri errori e migliorarci. Con un pizzico di fortuna in più sarebbe potuto essere tutto diverso, anche perché nei primi venti minuti avevamo fatto vedere buone cose. Qui non è colpa di uno o dell’altro, si sbaglia e si fa bene insieme, siamo una squadra. Poche occasioni nitide? Abbiamo creato tanto, potevamo concretizzare meglio. Ricordiamoci che è la prima di campionato, c’è ancora tempo per lavorare. Ora bisogna alzare la testa e darsi subito da fare, non possiamo abbatterci alla prima sconfitta».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *