ARQUATA DEL TRONTO – A due anni del terribile terremoto della notte tra il 23 e 24 agosto in cui fu completamente distrutto il comune di Arquata del Tronto con le sue frazioni, tra cui Pescara del Tronto, e che causò cinquantatre vittime nel versante ascolano, le comunità locali si riuniscono per pregare e ricordare.

 

L’associazione onlus ‘Pescara del Tronto 24/08/2016’, in collaborazione con il comune di Arquata, le comunità parrocchiali di Arquata, la Diocesi di Ascoli Piceno e il comune di Acquasanta Terme, ha intitolato le iniziative che si svolgeranno nella notte tra giovedì e venerdì ‘E guarderemo ancora le stelle brillare in una notte di agosto’, invitando tutti a partecipare alla commemorazione. Il ritrovo è stato fissato per la mezzanotte di giovedì sera a Trisungo, davanti al ‘Blue Bar’. Da qui ci sarà una navetta gratuita che trasporterà tutti a Pescara del Tronto.

 

All’una e mezza partirà una fiaccolata fino al parco giochi dove furono deposte le salme estratte dalle macerie. Alle 2:30 il vescovo Giovanni D’Ercole presiederà la celebrazione della messa, e alle 3:36, ora della prima terribile scossa, ci sarà il suono del silenzio e la lettura dei nomi delle vittime scandita dai rintocchi della campana. Intorno alle 4:30 è previsto il ritorno a Trisungo sempre a bordo del bus navetta. Nel pomeriggio di venerdì, alle 18:30 verrà celebrata la messa dal vescovo D’Ercole al villaggio delle casette Sae di Pescara

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *