SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Droni in volo su San Benedetto, il  M5S studia la viabilità. Il Movimento 5 Stelle ha commissionato uno studio sul traffico alla società Asidea Srls di Monteprandone, autorizzata dal Ministero a svolgere tale mansione con i droni. La ditta sta realizzando un video dall’alto della città per osservare come si muovono gli automezzi nelle strade della Riviera. Il risultato dell’indagine verrà presentato in pubblico una volta completato.

 

“Il drone – spiega il consigliere M5S nella Regione Marche, Peppino Giorgini – sta monitorando tutte le strade cittadine, in particolare la Statale 16, la Salaria, viale dello Sport, il lungomare e il sistema dei parcheggi. Riprenderà anche i movimenti del martedì e venerdì mattina, quando al centro di San Benedetto si svolge il mercato ambulante. Vogliamo avere chiare le idee sul traffico per fare proposte su dati attendibili. Noi parliamo sempre con i dati in mano, non con le chiacchiere».

 

In questi giorni è tornato di grande attualità il dibattito politico sulla bretella collinare, poiché il traffico è rimasto paralizzato per alcuni giorni a seguito dell’incendio nella galleria dell’A 14. Il senatore M5S Giorgio Fede ha rilasciato dichiarazioni sull’argomento ad Adriatico 24 Ore (LEGGI QUI). E’ sembrata un’apertura alla collinare. Giorgini  asserisce che «la bretella è un’infrastruttura inutile per la viabilità del territorio. Fede porterà a Roma le criticità intese come traffico urbano nel nostro comune, magari per avere fondi per la mobilità urbana pubblica».

 

Ancora Giorgini: «Innanzitutto c’è da sottolineare che il Comune di Grottammare è contario all’uscita della collinare nel suo territorio. Già questo è suffciente per fare accantonare l’idea della bretella, perché realizzare un’opera da Ragnola a via Manara non ha senso. L’arteria era stata pensata negli anni Settanta, quando la zona industriale di Acquaviva scoppiava per il traffico, ma oggi la viabilità nella zona si è normalizzata poiché le aziende hanno in gran parte chiuso. Ammesso che si possa fare fino a Grottammare, sarebbe lo stesso inutile».

 

Ci sono persone convinte che nei giorni di chiusura del casello dell’A 14, se ci fosse stata la bretella non ci sarebbe stato  il caos del traffico. Tuona Giorgini: «Ma questo è assurdo perché la collinare ha l’uscita e l’ingresso che portano sulla Statale 16, pertanto ci sarebbero stati gli stessi ingorghi. Io non dico di essere contrario, ma che è inutile».

 

Come pensano di risolvere le criticità della viabilità i 5S? «Noi – conclude Giorgini – siamo per la mobilità alternativa: autobus di piccole dimensioni ogni 10 minuti, piste ciclabili, Ztl al centro di San Benedetto e la deviazione obbligatoria dei mezzi pesanti sull’A 14».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *