MARCHE – È terminata l’operazione su scala regionale della Guardia costiera denominata “SAFE DISHES”, durante la quale sono stati intensificati i controlli sulla filiera ittica, dal mare ai principali mercati ittici della Regione, fino alla tavola dei consumatori, al fine di scongiurare il consumo di prodotti ittici pescati e commercializzati illegalmente.

 

Nelle attività di controllo sono stati impiegati, per l’occasione, 88 uomini e donne, impegnati in 11 missioni, che hanno portato, su tutto il territorio regionale, all’elevazione di n. 17 sanzioni amministrative, per un importo complessivo di € 52.344, rilevando quale violazione ricorrente la commercializzazione di prodotto ittico privo della prevista etichettatura del prodotto e/o la sua rintracciabilità, l’esercizio di attività di pesca in luoghi e zone vietate con attrezzi non autorizzati, nonché alla pesca di prodotto ittico in quantitativo superiore a quello consentito, al sequestro di 638 Kg di prodotto ittico. I controlli hanno, altresì, portato all’esecuzione del sequestro amministrativo di attrezzi da pesca non regolamentari (20 bertovelli – n. 14 nasse).

 

Le attività di controllo proseguiranno per assicurare il rispetto delle norme in materia di tracciabilità e rintracciabilità del prodotto ittico, nonché il corretto esercizio delle attività di pesca, garantendo, al contempo, la salvaguardia della salute pubblica e la tutela delle risorse biologiche.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *