SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Venerdì 7 giugno al Moccico di Porto D’Ascoli si svolgerà il quinto appuntamento della rassegna “Moccico il Mondo“: una cena etnica questa volta dedicata alla cucina Argentina accompagnata dalla bellissima musica del gruppo El Caminito.

 

 

Dopo i sold-out delle serate “celtica”, “senegalese” e “indiana” e “brasiliana” è il turno dei cibi tradizionali dell’Argentina: un paese con una tradizione culinaria fortemente influenzata dall’Europa ma con specialità uniche conosciute in tutto il Mondo che saranno condensate nel menù curato da Ornela GiangiordanoSi inizierà con le immancabili Empanadas al hornoripiene di carne macinata speziata, cipolla e olive e accompagnate da una salsa criolla.

 

 

Il piatto principale sarà a base di carne naturalmente: Asado al Horno comprensivo di tira de asado, vacìo e salsicha, tutto accompagnato da salsa Chimichurri e Ensalada de papas y huevosQuindi il dolce con la panqueques con il tipico Dulce de LechePer finire di potrà gustare un Mate: un infuso di YerbaMate nella tipica zucca con la Bonbilla (cannuccia di metallo) o un Fernandito: tipico cocktail amatissimo dagli argentini a base di Fernet Branca e Coca Cola.

 

 

La cena costerà 20 euro a persona bevande escluse e su prenotazione si realizzeranno versioni vegetariane di alcuni piatti.  Durante e dopo la cena il gruppo El Caminito allieterà la serata con un mix di Cumbia, sonorità Afro-Cubane e Folklore Latinoamericano. La band composta da Maria Laura Lliteras alla voce, Ivan Portelli alla chitarra, il Maestro Satomi alla fisarmonica e Manuel Papetti albassotuba coinvolge l’ascoltatore in un viaggio attraverso il continente sudamericano alla scoperta dei ritmi, delle parole e delle sensazioni festose e intimistiche tipiche di questo mix di culture.

 

 

Per la cena i posti sono limitati, per info e prenotazioni si può chiamare il numero 392 518 9327 o contattare la pagina facebook del Moccico. Il concerto e il dopocena invece saranno liberi per chiunque vorrà partecipare.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *