SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “L’importanza di un Ospedale efficiente, a Km zero”. Ci racconta una storia a lieto fine Maria Palma, l’ottantenne balzata agli onori delle cronache per avere atteso 10 ore al Pronto soccorso.

 

L’esposizione di Maria Palma: “L’altro ieri, il minore dei miei tre figli, 41 anni, ha per caso ricevuto uno schizzo di candeggina in un occhio: dopo vari risciacqui, permanendo il bruciore, è stato immediatamente accompagnato al pronto soccorso dal fratello. Con una piccola spiegazione di urgenza al triage è stato immediatamente mandato al reparto di oculistica dove, appena arrivato, è stato visitato medicato e mandato a casa in un tempo complessivo di mezz’ora. Occhio salvo, cura di una settimana, un po’ di riguardo sempre per una settimana.

 

Noi abitiamo al centro di San Benedetto ed il trasferimento è avvenuto in un paio di minuti. Siamo proprio sicuri che, dovendo arrivare a Pagliare, l’occhio si sarebbe salvato?

 

Ho voluto raccontare questo piccolo episodio per esemplificare come, in alcuni casi, il tempo sia prezioso e risolutivo. La cosa che trovo gravissima è la contrapposizione dei partiti su una faccenda seria come la salute.

 

San Benedetto è stato, è, e rimarrà un centro nodale della sanità picena e per l’ambiente circostante. Si trova al crocevia tra le più importanti vie di comunicazione nazionale e locale (autostrada A14, la Nazionale, il crocevia naturale per l’interno verso Roma e da Roma), bacino d’utenza che d’estate triplica, bacino di riferimento anche per i paesi vicini d’Abruzzo.

 

Quali caratteristiche più importanti di queste? Quali interessi? E’ mai possibile che la forza dell’intelligenza e dell’evidenza non riescano a creare “cemento” tra le forze partitiche per il bene comune, che dovrebbe essere la motivazione primaria per cui sono stati eletti? Per piccole beghe interne, giocano con la cosa più importante: la salute del cittadino.

 

Datevi una scrollata ed usate di più la testa ed il cuore, invece di pensare solo al portafoglio e ad un malinteso senso di prestigio. SIETE STATI ELETTI PER SERVIRE AL MEGLIO, NON PER COMANDARE AL PEGGIO”.

 

La conclusione è ironica: “Maria Palma, l’ottantenne…”telecomandata” secondo alcuni”.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *