SILVI MARINA – Il cadavere di un 63enne di Silvi è stato ripescato nel tardo pomeriggio di sabato in mare, al largo della cittadina teramana, al confine con Pineto (Teramo), nello specchio di mare dell’Area marina protetta Torre del Cerrano.  L’uomo si chiamava Mario D’Eustacchio.

 

Il corpo, si apprende, presenta delle ferite. Poco chiaro al momento l’accaduto: il fatto che il cadavere galleggiasse fa ipotizzare che non si sia trattato di un annegamento. Una delle ipotesi è che il marittimo in pensione sia stato travolto da un motoscafo, ma solo l’autopsia, già disposta dal magistrato, potrà chiarire le cause della morte e la natura delle lesioni. In ogni caso è scattata la caccia all’ipotetico natante che lo avrebbe investito e ucciso.

 

A lanciare l’allarme è stato un pescatore che, mentre usciva in barca, ha notato il corpo, riverso all’ingiù e ancora con il costume da bagno. Sul posto è subito intervenuta la Capitaneria di Porto, che ha recuperato e trasportato in obitorio la salma.

 

Secondo alcune testimonianze raccolte dalla Guardia costiera l’uomo era solito fare delle nuotate nello specchio d’acqua dell’area marina.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *