«Bus scoperto, esperienza d’accessibilità e integrazione», la parola all’Unione Ciechi