Ballarin, Marcozzi: «Il futuro dello stadio è già segnato»