SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Viale Colombo corre tra il rudere dello stadio Ballarin e piazza Giorgini. Una strada antica, costeggiata ad ovest da villini Liberty, sul lato est si comincia ad annusare il caratteristico odore del porto. Chi è pratico della zona è a conoscenza che si può parcheggiare liberamente su entrambi i lati della carreggiata. Chi non è pratico, come i pendolari e i turisti, si orienta con la segnaletica. Si guarda a terra anche se, va ricordato, bisognerebbe tenere conto anche dei segnali verticali. Ma sul fondo stradale i posti auto di bianco colorati sono pressoché invisibili di giorno, di notte sono oggetti misteriosi.

 

Perché oggi ci interessiamo degli stalli stinti di viale Colombo? Perché un cittadino sambenedettese lunedì 6 agosto si è trovato a parcheggiare in viale Colombo. Non trovando le strisce a terra evidenziate, né blu né bianche, ha pensato che lungo la strada fossero stati soppressi i parcheggi. Mistero? Macché!, gli spazi per la sosta hanno solo necessità di una passata di vernice.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *