COMMERCIO – Verranno riviste le liberalizzazioni di Monti sugli orari di apertura degli esercizi commerciali. Lo afferma Michele Dell’Orco (M5S), sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti.

 

«Come definito in una riunione tra M5S e Lega, insieme a Davide Crippa e Barbara Saltamartini, in commissione Attività produttive è stato definito l’iter per rivedere le liberalizzazioni di Monti sugli orari di apertura degli esercizi commerciali. Si va verso le chiusure festive e domenicali con possibilità di alcune deroghe che verranno definite nelle prossime settimane».

 

Due le proposte di revisione della disciplina degli orari dei negozi presentate in Commissione attività produttive alla Camera: una ha come primo firmatario Barbara Saltamartini (Lega), l’altra Davide Crippa (M5s). Nella versione a firma Saltamartini sono le regioni, sentiti gli enti locali, a mettere a punto il calendario ma le uniche deroghe concesse sono quattro domeniche di dicembre e altri 4 giorni (fra domeniche e festivi) nel corso di un anno. Nella versione M5S spetta sempre alle regioni stabilire le nuove regole prevedendo dei turni fra i negozi che però non potranno essere aperti per più di una domenica al mese.
Tra le proposte all’esame dei deputati, c’è poi anche un provvedimento a firma di Gianluca Benamati (Pd) che riproduce il testo unico, e dunque sul quale si era registrato un consenso trasversale, approvato nella scorsa legislatura proprio a Montecitorio.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *