CASTEL DI LAMA – Chiude l’Unieuro di Città delle Stelle a Castel di Lama. Quale futuro per i 13 dipendenti?

 

Il sindacato Ugl Terziario spiega che da parte della proprietà c’è una proposta. “provocatoria”. Quale? «O tutti e 13 i lavoratori accettano il part-time di 4 ore al giorno per sei giorni settimanali, tagliando contratti e reddito, da sistemare ad Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto e Grottammare, oppure cinque lavoratori verranno trasferiti».

 

Dove? «Tre a Portogruaro (Friuli), e due a Gela (Sicilia). Addirittura una lavoratrice, al nono mese di gravidanza ed in attesa a giorni della nascita di un figlio, prevista in trasferimento a Gela. Un atto inaudito e inumano per la lavoratrice. Impugneremo tutto».

 

(Ovvio che una donna al nono mese non è al lavoro ma in maternità, maturata all’ottavo mese di gravidanza. Tuttavia, il trasferimento è in questa fase una questione burocratica, non fisica. Se dovesse concretizzarsi quanto paventato dall’Ugl, la dipendente andrebbe in Sicilia una volta terminato il congedo di maternità, ndr).

 

«L’Ugl si rifiuta di credere che l’Unieuro voglia perseguire questa strada, farebbe emergere una cattiva faccia della medaglia Unieuro alla quale non eravamo preparati. Sarebbe un insulto al diritto alla umanità e dignità delle persone».

 

«L’Ugl si dichiara responsabilmente disponibile a discutere da oggi al 6 luglio sul tavolo, per trovare giuste soluzioni».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *