SAN BENEDETTO DEL TRONTO -Malumore, preoccupazione e insoddisfazione per l’organizzazone tardiva degli addobbi e delle iniziative natalizie da parte dell’amministrazione comunale serpeggiano tra i commercianti del centro città. I negozianti  di via Montebello e dintorni stanno allestendo un cartellone alternativo degli eventi natalizi. E parlano di “anno zero”. Un anno da cui ripartire verso una programmazione puntuale, che mantenga vivo e vivace lo shopping al centro.

 

 

Ci racconta Vincenzo Amato, presidente dell’Associazione dei commercianti di via Montebello: «La riunione a cui siamo stati convocati in comune il 13 novembre ha segnato già il primo ritardo: nonostante ciò la Confcommercio si è presa la briga dell’organizzazione delle luminarie, ma non so se c’è reale disponibilità dei commercianti a investire tanti soldi senza un briciolo di programmazione».

 

 

Amato continua: «Le inziative vanno programmate, se ci si riduce a prendere le rimanenze è meglio evitare. Meglio partire da un anno zero che rivedere il già visto. Penso che le luminarie in centro saranno molto ridotte, perché molti di noi pensano che bisogna programmare e avere una visione globale. Fare una cosa rimediata già vista e rivista non è esattamente ciò che serve a San Benedetto per tornare a essere il cuore del turismo».

 

 

Nonostante la delusione, l’associazione presieduta da Amato sta preparando una pagina web dedicata agli eventi che i commercianti del centro organizzeranno a partire dall’8 dicembre: segno evidente che il dissenso non può fermare la laboriosità di coloro che sono l’anima del Natale e che vogliono una città sempre viva.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *