ASCOLI PICENO – “Non imputabile perché incapace di intendere e di volere al momento del fatto”. Con questa motivazione il giudice delle udienze preliminari del tribunale di Ascoli Piceno Rita De Angelis ha assolto Virgilio  Cataldi, che il 16 settembre 2017 uccise la zia con due coltellate alla gola perché – riferì ai carabinieri quando fu fermato – glielo aveva detto Santa Rita.

 

Il 41enne è stato processato con rito abbreviato, come aveva richiesto il suo legale, l’avv. Silvio Venieri. Il giudice ha stabilito che Cataldi deve rimanere ricoverato in una Rems, struttura sanitaria alternativa al carcere, per due anni, durante i quali sarà soggetto a controlli per stabilire il suo stato di salute mentale.

 

Decisiva è stata la perizia del dott. Marco Quercia, responsabile del Servizio Territoriale per le Dipendenze Patologiche dell’Asur di Ascoli, il quale ha stabilito che il 41enne al momento di aggredire la zia a colpi di coltello non era capace di intendere e di volere.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *