«Turismo mordi e fuggi, condizionato dal meteo», l’opinione di Ciabattoni