SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una proposta per gestire le criticità del sottopasso ferroviario di zona San Giovanni: «Istituire il senso unico per risolvere i problemi della sicurezza». E’ quanto riferisce il dott. Ruggero Latini, presidente dell’organo di indirizzo della Riserva Naturale Regionale Sentina. Un’idea che non è maturata in questi giorni in cui divampa la polemica per la chiusura forzata di una corsia (LEGGI QUI).

 

«Da qualche tempo – spiega il dott. Latini – abbiamo preso atto che è un incrocio pericoloso e stiamo valutando di fare una proposta all’amministrazione comunale per il senso unico di marcia».

 

Il problema di cui parla il presidente della Riserva si presenta in via Brodolini, il lato del pontino verso la Sentina (foto). Gli automezzi scendono dalla sopraelevata dell’Ascoli Mare e poi devono girare a destra per entrare nel tunnel e dirigersi verso la Statale 16.

 

«La curva per immettersi nel sottopasso è troppo stretta – spiega il presidente – ed è pericolosa. Infatti, per girare verso il tunnel le autovetture invadono l’altra carreggiata e la segnaletica viene sistematicamente divelta. Tra l’altro dalla rampa arrivano anche camion troppo alti per potervi entrare, accentuando le problematiche con le manovre per cambiare direzione».

 

«La soluzione – conclude il dott. Latini – ci sembra quella di allargare la sede stradale istituendo un solo senso di marcia. Se sia meglio il senso unico da  est verso ovest o da ovest verso est è una decisione che spetta ai tecnici».

© Riproduzione riservata


Stampa
One comment on “Sottopasso San Giovanni pericoloso, Latini: «Istituire il senso unico»
  1. Avatar Enrico Merlini ha detto:

    Vorrei dire al Dott° Latini, che il senso unico è una barzelletta, ma come gli viene in mente, questo è un sottopasso importantissimo x entrambi i sensi di marcia, basta modificare la rampa d’uscita dalla sopraelevata ,ovvero….. spostarla più ad Est nella fase finale e fare in modo che si possa svoltare verso Ovest senza avere problema di nessun genere e tutto si risolve! Non ci vogliono gli scienziati x capire tutto ciò!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *