Si chiamavano i “Puffi” ma spacciavano in chat, quattro ragazzi nei guai