SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In collaborazione con il Centro Famiglia, consultorio familiare di ispirazione cristiana presente a San Benedetto, si sono svolti degli incontri sull’emotività che hanno visto coinvolti gli alunni delle 8 classi terze della Scuola Secondaria Curzi. L’ISC centro analizza questa importante iniziativa:

 

 

“Il percorso, organizzato dalla prof.ssa Amabilli, è stato articolato in tre momenti, di cui due rivolti agli alunni, nei giorni 5 e 7 novembre, e il terzo ai genitori e ai docenti come attività formativa, il 9 novembre.

 

 

L’esperienza proposta agli alunni dalle psicologhe operatrici del Centro Famiglia, dott.sse Collina e Fabiani, è stata un laboratorio condotto con modalità attiva secondo l’approccio  psico-sociodrammatico: gli alunni hanno realizzato una piccola drammatizzazione sulla base di alcune parole che avevano affinità con l’adolescenza.

 

 

Obiettivo dell’attività – continua l’ISC- è stato quello di  creare un gioco relazionale, in cui gli alunni hanno avuto  possibilità di  sperimentare ruoli diversi, cambiare prospettiva da cui considerare le situazioni e riflettere su di sé e sugli altri, trovando risposte adeguate alle richieste esterne e al contempo soddisfacenti rispetto ai propri bisogni e convinzioni”.

 

Tante sono state le dinamiche emerse: la difficoltà di lasciare il mondo virtuale per vivere relazioni reali, la rigidità degli schematismi imposti, come osservano gli atteggiamenti e le parole degli adulti, come gestiscono la propria emotività.

 

Il secondo momento si è svolto presso l’Auditorium comunale di S.B.T., dove gli alunni hanno avuto la possibilità di incontrare il dott. Ezio Aceti, psicologo dell’età evolutiva, che li ha affascinati sul tema “La conquista della libertà”.

 

L’incontro è stato molto apprezzato dagli alunni che sono stati stimolati a riflettere sull’importanza della dimensione affettiva e sessuale in questo particolare momento della loro vita. Il relatore si è soffermato sulle abilità emozionali che ci differenziano dagli animali, quali: l’autoconsapevolezza, la capacità di identificare, esprimere e controllare i sentimenti, la capacità di frenare gli impulsi e rimandare la gratificazione, la capacità di controllare la tensione e l’ansia. Per riuscire a trattenere gli impulsi è prima necessario conoscere la differenza tra sentimenti e azioni e poi identificare (prima di agire) le azioni alternative.

 

Infine, in serata presso il Teatro delle Energie di Grottammare, il dott. Aceti ha incontrato sia i genitori dell’ISC, sia i docenti come momento formativo, parlando di molte tematiche molto frequenti nel periodo dell’adoloscenza.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *