Sanità, Curzi e Falco: «Non toccate la nostra pediatria»