Sandro Assenti: «Nuovo scenario e speranze per la Bolkestein»