«Risveglio tardivo dei colpevoli del “muro di Berlino”», la stoccata di Maggi