GROTTAMMARE – Aree verdi incolte e giardini privati non curati possono essere causa di spiacevoli inconvenienti se non addirittura alimentare il rischio di incendi che sempre in questo periodo dell’anno, ma soprattutto in queste settimane torride, è altissimo.

 

Il Comune di Grottammare ricorda a tutti i proprietari, conduttori, detentori o aventi diritto a qualsiasi titolo di giardini, aree agricole non coltivate, aree verdi urbane incolte, lotti inedificati, e responsabili di cantieri edili, che è necessario provvedere allo sfalcio delle erbe infestanti e alla loro rimozione, alla regolazione delle siepi e al taglio di rami sporgenti che si protendono sulle strade comunali e a mantenere, in generale, in corretto stato di manutenzione i terreni di qualsiasi natura e destinazione.

 

Il dispositivo è contenuto nell’ordinanza sindacale n. 88/2016, che soprattutto in questo periodo è importante ricordare anche per evitare il proliferare di insetti, ratti, rettili a altri inconvenienti igienico-sanitari. L’assessore alla Sostenibilità e alla Salute, Alessandra Biocca, dichiara «Le aree incolte possono diventare ricettacolo di animali infestanti e sono un pericolo per la possibile diffusione di incendi. Per questo motivo ricordiamo ai proprietari l’ordinanza in vigore e chiediamo loro di intervenire subito per tutelare l’ambiente e la sicurezza delle persone nonché il decoro urbano della città». Il controllo sul rispetto dell’ordinanza è affidato al Comando di polizia locale. I contravventori saranno soggetti a sanzioni amministrative da € 150 a € 500.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *