SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ospedale unico, ospedale di primo livello, ospedale di base: è tutto da rifare. «Entro fine mese la giunta Ceriscioli approverà il Piano socio sanitario, che è il Piano regolatore della sanità pubblica», chiosa l’assessore al turismo della Regione Marche Moreno Pieroni. «Tutto quello che la politica sta progettando per la sanità, compreso l’ospedale unico, non avrà nessun valore se non sarà inserito nel Piano socio sanitario».

 

Pieroni è intervenuto nel corso di una conferenza stampa nel Municipio di San Benedetto con il segretario comunale del Psi Umberto Pasquali, il segretario regionale Maurizio Cionfrini e il coordinatore della commissione sanità Lorenzo Catraro.

 

Pieroni e i socialisti hanno intonato il de profundis ai vari nuovi nosocomi ipotizzati nel territorio Piceno, da cui si sono scatenate polemiche e scontri politici. «Dopo il via libera della giunta, il Piano socio sanitario – ancora l’assessore delle Marche – sarà discusso in commissione con i sindacati e il mondo associativo  e anche  con i territori. Tra agosto e settembre verrà approvato dall’assemblea della Regione Marche.

 

Sarà un piano sui servizi, su quello di cui le persone hanno bisogno. E sui servizi si costruiranno i contenitori, cioè gli ospedali. Finora si è parlato di edilizia e di location, senza però prendere in considerazione quello di cui c’è necessità. E’ stato un dibattito per convenienze politiche o di campanile. Se i territori diranno che è utile un presidio di primo livello vuol dire che sarà fatto».

 

I socialisti hanno presentato una mozione che verrà discussa nella prossima Assemblea delle Marche, con la quale chiedono al governatore di presentare la proposta del Piano socio sanitario entro sei mesi “così da procedere nelle fasi succesive della progettazione dell’offerta ospedaliera, sulla base delle indicazioni della nuova programmazione regionale, e al confronto con le Regioni vicine per la definizione di eventuali accordi di confine, utili alla progettazione dell’offerta ospedaliera delle Marche”.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *