SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Palazzina Azzurra non è riuscita a contenere la folla accorsa venerdì 17 agosto per lo spettacolo ‘Novecento: Teatro, musica e follia’ di Marco Trionfante. Tantissime persone, infatti, hanno assistito a tutta la rappresentazione in piedi. La serata, presentata dalla giornalista Stefania Mezzina, ha visto alternarsi sulla scena, con gli O’Scenici, il soprano Romina Assenti.

 

Un viaggio impegnato e divertente nel mondo del teatro di Eduardo (sicuramente fra i più grandi autori del Novecento) ha condotto gli spettatori fino alle fiabe marchigiane dello scrittore e studioso Antonio De Signoribus, raccontate egregiamente dalle voci degli attori Cristian Laurenzi e Giulia Ferretti. Forti emozioni e divertimento per i numerosi spettatori presenti alla Palazzina che hanno sottolineato con applausi a scena aperta e risate il loro gradimento.

 

Con il regista Marco Trionfante, si sono esibiti gli attori, Emy D’Erasmo, Sonia Tartabini, Cristian Mecozzi, Antonio Talamonti, Nadia Olivieri, Piero Mongelli. Tecnici audio-luci Cosiamo Guadalupi e Reno Coccia, assistente di scena Giampaola Alesiani e Alfonsina Vannucchi. L’evento ha goduto del patrocinio del Comune di San Benedetto del Tronto e della compartecipazione del consiglio regionale delle Marche. Presenti alla serata Piero Celani e i consiglieri comunali Valerio Pignotti e Brunilde Crescenzi.

 

Al termine dello spettacolo, il saluto al pubblico da parte del regista Marco Trionfante: «Sono molto felice. Per una sera ci sentiamo profeti in patria. Ringrazio in particolare Piero Celani, Valerio Pignotti e Maria Pia Spurio che ci hanno sostenuto. Con gli O’Scenici stiamo creando a San Benedetto un centro di alta formazione teatrale (Officine Teatrali) e cinematografica (Adriatic Cinema Academy) coinvolgendo nomi importanti, Giulio Base, Michele Monetta (Docente e membro all’Accademia Silvio d’Amico) e tanti altri…, con l’obiettivo di insegnare, non solo le classiche basi tecniche della recitazione, ma il Teatro e il Cinema vero, fatto di emozioni, sentimenti, vita… Questo è il teatro!».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *