ASCOLI PICENOPiero Celani, vice presidente dell’Assemblea legislativa delle Marche, esprime la sua opinione sulla delicata questione dell’ospedale unico:

 

«Sarò un cinico e non facilmente pronto alla commozione, ma mentre infuria il derby sulla sanità tra Ascoli e San Benedetto per chi potrà avere in futuro l’ospedale di primo livello, mi chiedo a chi giovino questi contrasti. Continuo quindi a non commuovermi sul fatto che in luogo di un ospedale unico potremo averne due, con il rischio che siano entrambi a scartamento ridotto, ma soprattutto perchè c’è il rischio concreto che l’ospedale di Ascoli continui a perdere pezzi. È la storia di sempre: quella dei due polli di Renzo che continuano a beccarsi anche durante il percorso che li porta alla padella.

 

 

Credo invece che in attesa della riorganizzazione della Sanità Picena – continua Celani – che mi sembra sia di là da venire, e sempre in attesa e fiduciosi che qualcosa cambi alle prossime elezioni regionali, dobbiamo stare molto attenti che non venga tolto all’ospedale di Ascoli ciò che abbiamo, anzi, sempre in attesa, dobbiamo chiedere con forza il suo potenziamento anche in ragione dei servizi che dovranno essere garantiti ai territori dell’entroterra. Stando ai si dice, infatti, sembra, a dispetto di quanto previsto e scritto a chiare lettere nei programmi dell’Area Vasta 5, che l’Unità Operativa Complessa di ORL, (Otorinolaringoiatria), da Ascoli venga trasferita a San Benedetto, cosa assolutamente non prevista nella determina n. 639 del 31/07/2012 a firma dell’allora direttore generale dell’Asur, che appunto, definisce il processo di riorganizzazione dei due Presidi ospedalieri di Ascoli e San Benedetto.

 

 

Nello specifico ad Ascoli sono previste e devono restare le degenze ordinarie in modo che venga garantita la continuità assistenziale con la reperibilità notturna e festiva e le consulenze di pronto soccorso, e ancora le degenze in DH/DS e le attività ambulatoriali e di consulenza, mentre al Madonna del Soccorso sono previsti e dovranno restarci, le degenze in DH/DS e le attività ambulatoriali».

 

 

Celani conclude così il suo intervento:

 

 

«Vogliamo parlare della cronica mancanza dei medici nel Pronto Soccorso del Mazzoni e delle lunghe liste di attesa? Per un momento lasciamo perdere l’estenuante dibattito sull’ospedale unico o di primo livello che dir si voglia, con annesse commozioni e facili lacrime, ed occupiamoci dello stato attuale della nostra Sanità perché c’è il rischio che tra qualche anno l’ospedale di Ascoli potrà divenire un semplice e grande Poliambulatorio con annesso Pronto Soccorso. È su questi tempi che occorrerà organizzare un Consiglio Comunale aperto prima di occuparci di Ospedale unico, e di addentrarci in un derby che non ha senso».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *