MARCHE – Tra gennaio 2017 e aprile scorso un gruppo criminale con base ad Ancona è riuscito a vendere in 13 regioni italiane 130 auto con revisione ‘appena fatta’ alle quali era stato invece ridotto il chilometraggio, anche fino a 200mila km, grazie a una sofisticata attrezzatura: auto apparentemente in condizioni e a prezzi buoni erano in realtà ‘bidoni’.

 

L’attività è stata stroncata con l’operazione “Chilometri zero” dai carabinieri di Ancona che hanno arrestato, per ora, due (ad Ancona e nel Vicentino) di cinque persone destinatarie di un ordine di custodia cautelare in carcere accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata a truffa e frode in commercio.

 

In manette pure due donne di origine romena; altri tre indagati sono ricercati.

 

La gang, come ricostruito dall’indagine coordinata dal pm di Ancona Daniele Paci, ha ottenuto profitti per 500mila euro: promuoveva le vendite sui maggiori motori di ricerca piazzando i mezzi a persone convinte di trattare con una vera concessionaria ad Ancona.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *