SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 20 novembre sarà la giornata mondiale dell’infanzia e dell’adolescenza. L’assessorato alle politiche sociali insieme all’Osservatorio comunale per l’infanzia e l’adolescenza indice un calendario di eventi dedicato ai ragazzi che occuperà insegnanti e associazioni per tutto il mese di novembre, fino alla festa di chiusura il 1 dicembre.

 

 

Coinvolte le scuole. Alla presenza dell’assessore Emanuela Carboni, della pedagogista del comune Rita Tancredi  e della consigliera Brunilde Crescenzi, i docenti hanno presentato le numerose iniziative in termini di workshop e convegni che interesseranno le scuole materne e primarie, ma anche secondarie e vedranno prevalere la comunicazione e all’ascolto dei ragazzi, anche tramite il ricorso alla psicomotricità e al teatro.

 

 

Interventi mirati per famiglie e adolescenti. In una veste innovativa dopo il ricco calendario dello  scorso anno, la manifestazione si propone di coinvolgere famiglie e ragazzi. L’assessore Carboni commenta: «Il 20 novembre è la giornata mondiale dell’infanzia e dell’adolescenza, e il nostro osservatorio mette in campo una serie di iniziative finalizzate alla sensibilizzazione sui diritti di bambini e adolescenti».

 

 

Punti salienti del programma. Il convegno L’educazione ai tempi dei social e il workshop con i ragazzi nelle scuole Usi il cellulare o il cellulare ti usa? e tanti altri appuntamenti in cui saranno coinvolti il centro studi Simbiosofia, e l’associazione ANUPI Educazione si susseguiranno per tutti il mese di novembre e le date sono consultabili sul sito del comune.

 

 

Una giunta per i ragazzi. «Importante traguardo che l’amministrazione vuole raggiungere è l’elezione della giunta e del sindaco dei ragazzi – continua la Carboni – è una proposta che porteremo in giunta per mettere in atto l’art. 12 della convenzione sull’infanzia e l’adolescenza per ascoltare e far esprimere i ragazzi. Entro novembre sarà in giunta. L’obiettivo è di trasformare la riviera in una città sostenibile amica di bambini e adolescenti: nessun bambino deve rimanere indietr»o.

 

 

Al fianco dell’Unicef. Il programma aderisce all’iniziative dell’Unicef  Non perdiamoci di vista e Scuola Amica. In occasione della festa del 1 dicembre tornerà il Garante per l’infanzia e l’adolescenza.

 

 

Bullismo e cyberbullismo. Di importanza centrale nell’operato dell’Osservatorio il tema del bullismo affrontato a teatro per realizzare una sorta di antologia e spiegare ai bimbi un problema grave: partire dai bimbi delle scuole materne è un bell’inizio.

 

 

Tante iniziative. Prevenzione del bullismo e laboratori di teatro, sulla comunicazione, sul diritto allo studio e allo sport come supporto alle famiglie meno abbienti. E poi la piantumazione dei ciclamini e una piccola marcia in giro per il quartiere Sant’Antonio. Per coinvolgere e appassionare tutta la città e costruire insieme un’alternativa alle problematiche dei diritti dei minori.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *