SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I rappresentanti sindacali della Rsu Cgil e Rsu Cobas accusano il coordinatore della Rsu del Comune di San Benedetto, Raffaele Rossi, di non riunire i sindacati interni. E chiedono una convocazione straordinaria della Rsu.

 

Sul tavolo temi caldi come la ventilata nuova sede della Polizia municipale in via Vittorio Veneto e la destinazione dei proventi delle multe agli automobilisti.

 

Tre rappresentanti della Rsu Cgil e due dei Cobas sono dell’avviso che sia urgente discutere della nuova caserma della municipale perché, tra le altre cose, la location di via Veneto non sembra adeguata per le esigenze dei vigili urbani. Ritengono che sia complicato uscire dall’imbottigliamento di via Pizzi nei giorni del mercato del martedì e venerdì. In ogni caso, è un sito poco agevole per muoversi in auto, moto o scooter.

 

Un’altra questione che i cinque sindacalisti vogliono affrontare verte sull’utilizzo dei proventi delle infrazioni al Codice della strada. Andrebbero spesi per l’ammodernamento del parco automezzi e per le divise della municipale.

 

A quanto pare, nella richiesta di convocazione di una riunione straordinaria non appaiono le firme dei due rappresentanti sindacali della Polizia municipale. Perché non sono stati coinvolti?

 

Scrivono i cinque firmatari: “Dopo mesi di completa inattività, nonostane le problematiche da affrontare siano molteplici, diciamo basta, perché il nostro silenzio non venga confuso con complicità verso il coordinatore e chi lo sostiene.

Non siamo più disponibili a non discutere le problematiche dell’organizzazione del lavoro e delle varie tematiche contrattuali. Non siamo più disponibili a tollerare una gestione personalistica del coordinatore. Sono tanti gli argomenti che riteniamo dover affrontare e per questo motivo ai sensi e per gli effetti del III comma dell’articolo 6 del vigente regolamento richiediamo una convocazione straordinaria della Rsu”.

 

Ecco i punti da inserire all’ordine del giorno:  nomina dei componenti della segreteria della Rsu, del vice coordinatore e del segretario;  valutazione e proposte per il contratto integrativo;
destinazione delle risorse del fondo 2019; seria riorganizzazione degli uffici in vista degli imminenti pensionamenti e della scadenza dei contratti a tempo determinato; stabilizzazione lavoratori stagionali ed invernali; problematiche relative alla nuova sede dei vigili urbani; utilizzo delle risorse derivanti dalle violazioni del Codice della strada.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *