ANCONA – Disposta l’autopsia e iscritti i primi indagati nell’inchiesta della Procura di Ancona sulla morte della 34enne tunisina Zhora Ben Salem, madre di due figli residente a Loreto, deceduta il 25 agosto, forse per un’embolia amniotica, durante il parto indotto dai medici del Salesi di Ancona per espellere il feto che era già deceduto.

 

Il pm Serena Bizzarri, che procede per omicidio colposo, ha affidato l’incarico per eseguire l’autopsia sulla salma della donna e, come atto di garanzia, nel fascicolo finora contro ignoti ha iscritti i nomi degli indagati tra cui alcuni medici.

 

Il primario del reparto di Ostetricia e Ginecologia del Salesi, dott. Andrea Ciavattini, aveva parlato di un “quadro acuto e imprevedibile e non recuperabile nonostante la rianimazione”.

 

La direzione medica aveva informato l’autorità giudiziaria, avviando anche una valutazione interna per l’approfondimento diagnostico. Il ministro della Saluto Giulia Grillo ha inviato ad Ancona la task force degli ispettori.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *