MONTEPRANDONE – Il comune di Monteprandone presenta di fronte al sindaco Stefano Stracci e al Presidente della Provincia Sergio Fabiani (avrebbero dovuto esserci anche Fabio Urbinati, consigliere regionale del Pd e Luigi Contisciani presidente del BIM) il “Natale al Centopercento”, rassegna di eventi, manifestazioni, concorsi e intrattenimento, giunta alla quarta edizione dedicata alle festività natalizie.

 

Tutte le iniziative sono patrocinate e sostenute dal Comune di Monteprandone, dalla Regione Marche e dal Bim – Bacino Imbrifero del Tronto, dalla Provincia di Ascoli Piceno.

 

Partners della manifestazione l’Istituto comprensivo di Monteprandone, l’Associazione ProLoco e l’Associazione Segui la Cometa, sostenute da aziende più grandi del territorio che condividono il progetto e scelgono di essere partner attraverso erogazioni liberali tramite Art Bonus.

 

 

Quest’anno sarà coinvolto tutto il territorio di Monteprandone grazie al suggestivo allestimento di presepi che unirà il comune nell’itinerario presepiale del borgo previsto per il periodo tra l’8 dicembre e il 6 gennaio nel percorso ‘Segui la stella cometa’ il cui anche i Re Magi seguiranno la cometa fino alla natività in sala consiliare.

 

È qui infatti che saranno esposti i più di 400 presepi da tutto il mondo conservati da padre Nicola Iachini, che ne ha collezionati più di mille, insieme alla XXIV Mostra di Arte Presepiale.

 

Il sipario si apriràil 17 novembre, alle 15:30, in piazza dell’Unità con l’inaugurazione del Mercatino di Natale delle botteghe del paese con 18 casette presidiate da commercianti ambulanti per solo per Natale e uno stand dedicato a deliziose tipicità locali. Insieme alle sfiziosità del mercatino lo stesso giorno sarà inaugurata la Pista di pattinaggio sul ghiaccio con una scontistica per i gruppi e intrattenimento musicale  tutti i sabato sera. 

 

I più piccoli non possono mancare all’apertura del Rifugio di Babbo Natale, in programma domenica 2 dicembre, alle ore 15:30, al Centro GiovArti. Con una slitta e le sue renne, Babbo Natale arriverà a Centobuchi dove prenderà posto nella sala del trono nel centro allestito per l’occasione con la sua cameretta e quella degli elfi.

 

E un magnifico giardino dove fino al 6 gennaio si terranno laboratori creativi, raccontastorie, maghi, trucca bimbi e pesca solidale. Per i bimbi ancora la selezione di prioezioni e cartoon natalizi nella sala del trono. 

 

Non solo giochi. Anche aperitivi e degustazioni lungo il centro storico che  sarà scenario anche di alcuni appuntamenti dedicati dalle eccellenze enogastronomiche del territorio. Sabato 8, domenica 23 e domenica 30 dicembre, dalle ore 17:30, in piazza IV novembre e nei vicini locali del Museo dei Codici di San Giacomo della Marca vino e buffet in gradevoli aperitivi natalizi. Sarà anche la gradita occasione per accendere le luminarie nelle vie del centro storico.

 

E poi domenica 23 un concorso a premi per il miglior frustingo realizzato da massaie e operatori e un incontro sulla storia, valorizzazione e promozione del dolce tipico natalizio delle Marche. Un altro concorso è stato indetto per aggraziare e abbellire il paese e valorizzare il suo decoro pubblico: i balconi e le vetrine più belli saranno premiati con merito.

 

Altro evento imperdibile il 16 dicembre al mattino alle 10 la PasseggiAvis passeggiata di volontari e non solo con partenza dal centro storico. Nel pomeriggio alle 16 nella nuova Sala Riunioni di Centobuchi l’incontro con i grandissimi dello sport partoriti dal territorio, tra cui Massimo Fabbrizi, Anais Pedroni, Giuseppe Squasselli e molti altri, tutti sostenitori o simpatizzanti dell’Avis.

 

Un grande momento di piazza sarà quello di domenica 30 dicembre a Centobuchi: l’Anteprima di Capodanno con la tombola musicale, lo spettacolo piro musicale curato dalla pirotecnica Santa Chiara e un brindisi.

 

Finale doc domenica 6 gennaio. Nel Centro Storico arrivano i Re Magi portando i loro doni mentre alle ore 16 in piazza dell’Unità la Befana scenderà sulla sua scopa carica caramelle per i bimbi buoni e di cenere e carbone per quelli birichini.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *