«Medici in fuga dal Pronto soccorso, in un clima da caserma»