Marzonetti nell’ufficio di Assenti. «Abbiamo parlato di problemi della città»