SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Malumori per il divieto di sosta, la pista di pattinaggio sul ghiaccio taglia 40 parcheggi.  Sabato 1° dicembre è stato istituito il divieto di sosta in piazza del Redentore, a Porto d’Ascoli: soppressi 40 posti auto di fronte alla chiesa Cristo Re e all’asilo del Divino Amore.

 

Il divieto è attivo 24 ore su 24 e rimarrà fino al 9 gennaio. Perché? Perché da sabato 1° dicembre la piazza centrale di Porto d’Ascoli è occupata dall’Ice Village: la pista di pattinaggio sul ghiaccio e il mercatino artigianale (LEGGI QUI).

 

Alla redazione di Adriatico 24 Ore erano pervenute segnalazioni di dissenso già il 30 novembre, giorno in cui sono stati posizionati i cartelli di divieto di sosta. Abbiamo voluto attendere l’attivazione dell’Ice Village e dei divieti prima di dedicare all’argomento un articolo. In effetti c’è malumore.

 

«A mio modesto parere poteva essere ristretto ad alcune ore, tipo dalle 16 in poi, proprio per godere al meglio della bellezza della piazza e della pista», l’appunto di Michela Galieni, una mamma che nei feriali accompagna il bambino all’asilo del Divino Amore.

 

«Mi rendo anche conto – continua Galieni – che se nessuno dell’organizzazione ha bimbi che frequentano l’asilo, nessuno ha pensato che comunque dalle 7,30 alle 9 e nel primo pomeriggio lì ci sono 50 bambini dai 2 ai 5 anni che devono essere accompagnati (e ripresi). Parcheggiare lontano, col freddo e la pioggia può essere disagevole. Tutto qui. Non è polemica, solo un invito a valutare altre possibilità più flessibili nel prossimo futuro, soprattutto per evitare critiche e polemiche».

 

Davide Portelli di PdA Shopping Center ha chiarito che «non c’era altra soluzione». E ancora: «Dovete avere un po’ di pazienza l’importante è stato creare un bell’evento per Porto d’Ascoli».

 

Per Simona Merli «Non si può avere tutto. Quel divieto di sosta sarà un po’ scomodo, ma non sarà una catastrofe. Siamo positivi. Poi dopo le feste tutto tornerà come prima».

 

La discussione si è sviluppata su Facebook dove Michela Galieni ha elogiato l’Ice Village, ma ha criticato gli orari fissi dei divieti. Insomma, se fossero stati flessibili non ci sarebbero stati problemi. «No, certo, non è una catastrofe. E sono convinta della bontà dell’iniziativa. A mio modesto parere il divieto di sosta poteva essere ristretto ad alcune ore».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *