SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb si gode l’arrivo di Andrea Russotto, ma adesso la dirigenza rossoblù dovrà subito rituffarsi sul mercato in entrata per sistemare la questione centravanti.

Nelle prossime ore ci sarà finalmente l’epilogo della vicenda Stanco (permanenza o addio immediato) e di conseguenza si saprà molto di più sul centravanti che comporrà il tridente d’assalto di mister Magi insieme a Calderini e allo stesso Russotto.

In caso di separazione con l’ex Modena, il grande obiettivo sarebbe quel Simone Simeri invocato da tutti come la classica ciliegina sulla torta per una Samb da sogno. Una chiamata ufficiale non c’è ancora stata, visto che proprio l’intrigo Stanco (oltre al capitolo ripescaggio del Novara) ha tenuto tutto bloccato.

Il club piemontese, nel frattempo, è stato virtualmente riammesso in Serie B e in queste ore ha fatto firmare un rinnovo di contratto biennale all’ex attaccante della Juve Stabia. Simeri aveva ammesso che in caso di B molto probabilmente sarebbe rimasto a Novara, ma non è detto che le cose non possano cambiare.

“In caso di B potrebbe anche succedere che il Novara gli rinnovi il contratto e poi lo lasci partire in prestito – aveva previsto Andrea Fedeli qualche giorno fa -, vedremo cosa succederà. Continuo a non escludere che possano esserci dei contatti con Simeri più in là”.

Parole che adesso tornano d’attualità e che fanno pensare ad una nuova ipotesi: la Samb ha sempre detto di non essere interessata ad operazioni in prestito, ma per Simeri si farebbe un eccezione?

Questo sarà il mercato a dirlo, ma se davvero partisse Stanco e con pochi giorni a disposizione per trovare un nuovo centravanti, la pista Simeri potrebbe davvero tornare a scaldarsi.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *