SAN BENEDETTO DEL TRONTO  – La marineria di San Benedetto del Tronto uscirà con le proprie barche per pescare i pesci ma anche per liberare il mare Adriatico dalla plastica.

 

Lo prevede il progetto “A Pesca di Plastica”. Per trenta giorni, a partire da lunedì, i fondali antistanti la cittadina rivierasca saranno puliti dalla flotta attrezzata per la pesca a strascico.

 

L’obiettivo della massiccia operazione che coinvolge non solo i pescatori, ma anche Autorità portuale, Capitaneria di porto, Comune, Picenambiente, Garbage Service e MedSharks è di liberare i fondali dai rifiuti, ma anche mettere a punto un “sistema San Benedetto” basato sulla quantità di rifiuti e sui costi di recupero e smaltimento. Un sistema da condividere a livello nazionale e internazionale.

 

«La marineria sambenedettese ha una grande storia alle spalle e un radioso futuro ed è la prima e unica a mettere in atto un progetto di tale portata» ha detto il comandante della capitaneria di porto Mauro Colarossi.

 

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *