«La guerra alla movida ci penalizza, operatori terrorizzati», il turismo secondo Mozzoni