SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Vogliono lavorare. Non cercano sussidi, ma occupazione. Sono quelli della Cooperativa Diogene Multiservice: over 50 rimasti senza lavoro a causa della crisi economica. Ma non si sono dati per vinti. Si sono organizzati per rimettersi in gioco. E chiedono sostegno ai sindaci per essere inseriti in attività di pubblica utilità come la manutenzione del verde.

 

Hanno presentato il progetto per una start up alla Regione Marche risultando tra i primi tre in graduatoria. L’ottimo punteggio ha fruttato un finanziamento di 30mila euro  per acquistare attrezzature e abbigliamento per il giardinaggio.  E’ in itinere una nuova start up per un progetto di inserimento nel trasporto pubblico locale della Start.

 

Lunedì 25 marzo saranno a confronto con il sindaco di Grottammare Enrico Piergallini, mentre martedì 26 saliranno a Monteprandone dal primo cittadino Stefano Stracci.

 

Abbiamo incontrato il presidente della Cooperativa Diogene Stefano Abrugia e il vice Antonio Gallo. Guarda il VIDEO dell’appello ai sindaci

 

 

«Abbiamo costituito la Cooperativa Diogene il 21 maggio 2018, con 10 soci fondatori», racconta il presidente Abrugia. «Abbiamo riscontrato subito la disponibilità del sindaco di Offida Valerio Lucciarini e la vice Isabella Bosano, i quali ci hanno concesso in comodato d’uso gratuito un locale per la sede della Cooperativa. Ci siamo confrontati con il sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti, dal quale stiamo aspettando una risposta».

 

«Per la start up – prosegue Abrugia – la Regione ci ha anticipato 12mila euro. Abbiamo già speso quasi 6mila euro per attrezzature e abbigliamento da lavoro. Avremo il totale dell’importo con la rendicontazione delle spese».

 

La prossima settimana l’incontro con i sindaci. «Al sindaco Piergallini, che ringraziamo per il sostegno, chiederemo di essere inseriti nei lavori di manutenzione di parchi e giardini, in preparazione della stagione estiva. Con Stracci, invece ci presenteremo, in quanto come Diogene non abbiamo avuto finora incontri».

 

Insomma, disoccupati over 50 in cerca di lavoro. Diogene chiama, ora tocca ai sindaci rispondere.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *