SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «La città dei bambini è rimasta sulla carta?». Una domanda del consigliere del Pd Tonino Capriotti che è diventata una interrogazione indirizzata al sindaco Pasqualino Piunti, a cui dovrà dare risposta nel prossimo Consiglio comunale.
Questo il titolo dell’interpellanza: “Indirizzo relativo all’adesione al protocollo d’intesa “Progetto Città sostenibili dei bambini e degli adolescenti nelle Marche”.

 

«Gentile Sig. Sindaco – scrive Capriotti – in data 27 aprile del 2016, nella Sala Consiliare di San Benedetto del Tronto, si incontrò insieme agli altri candidati sindaci con lo staff dell’Osservatorio permanente di S.B.T. In quella occasione le fu presentato il  “Documento Programmatico dell’Osservatorio permanente Comunale del Comune di San Benedetto del Tronto”, col quale si chiedeva, anche alla Sua Persona, in qualità di candidato Sindaco della Città di San Benedetto del Tronto, di sostenere e dare continuità alle progettazioni individuate da questo organismo.

 

QUESTI I SETTORI DI INTERVENTO
·        Territorio cittadino;
·        Istituti scolastici territoriali;
·        Terzo Settore;
·         Associazioni di volontariato di promozione sociale;
·         Cooperative sociali;
·         Fondazioni, organizzazioni non governative.

 

QUESTI I MACRO OBIETTIVI

·        Promuovere i diritti dei bambini/e in tutti i contesti di riferimento: famiglia, gioco, sport, studio, lettura, ed altre attività ricreative specifiche.

·        Tutelare la famiglia e le sue nuove “configurazioni” quale garante della conservazione e trasmissione dei valori sociali civici e della genitorialità nella sua funzione di sostegno e benessere familiare.

·        Sviluppare un welfare locale e comunitario che parta dal soggetto bambine/i e dai loro diritti .

·       Promuovere nei quartieri percorsi di educazione e di partecipazione attiva e costruzione di una rete operativa coinvolgendo i soggetti che direttamente all’interno del territorio trattano tematiche relative all’educazione, la cura, la salute, lo sviluppo, la mobilità sostenibile, il verde».

 

Continua il consigliere del Pd: «Successivamente, vinte le elezioni, la sua Amministrazione mantenendo fede alle sue promesse elettorali con delibera di Giunta n. 162 del 25 ottobre 2016 approvava il nuovo protocollo d’intesa, si impegnava a favorire le iniziative rivolte ai minori, specificate all’interno del protocollo, recepiva le finalità del progetto e si impegnava a mettere in atto iniziative mirate al sostegno dei diritti dei minori.

 

Considerato inoltre che i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza sono sanciti da:  Convenzione internazionale, promulgata dall’ONU e ratificata dallo Stato Italiano con la L. N. 176 del 1991; Convenzione Europea, approvata dal Consiglio D’Europa e ratificata dallo Stato Italiano con la L. N. 77 del 2003; da Legge regionale n. 14 del 19 aprile 2017, con la quale anche la regione Marche ha recepito quanto predisposto nel protocollo d’intesa fino ad istituire un elenco delle “Città sostenibili ed amiche dei bambini e degli adolescenti”,

 

LE CHIEDO

Dopo 2 anni dalla presentazione dell’Osservatorio permanente di S.B.T. e dalla Delibera che questa Giunta ha adottato a che punto siamo? Quali sono le azioni da lei promesse intraprese? Quali sono le attività portate avanti insieme all’Osservatorio permanente?».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *