SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Via Volta dimenticata e all’ex Tirassegno i topi ballano. A inizio 2019  faremo un’assemblea pubblica per sollecitare l’amministrazione comunale a varare un progetto di restyling, perché via Volta non è meno importante di piazza San Pio X». Torna  a fare sentire la sua voce Alfredo Isopi, presidente del quartiere Marina di Sotto.

 

Criticità. «Di notte la strada è poco illuminata, è necessario installare le luci a led, come fatto in altre parti di San Benedetto», tuona Isopi. «I marciapiedi – continua – hanno bisogno di essere riqualificati e va risolto il problema dei parcheggi a spina di pesce sul tratto nord, perché restringono la carreggiata. Quando si incrocia un’auto con un altro mezzo, ad esempio della PicenAmbiente, la circolazione si blocca».

 

Incuria e degrado. «Ricordo che l’ex Tirassegno si trova in via Volta», ammonisce il presidente di Marina di Sotto. «D’estate c’è un parcheggio provvisorio, ma il fondo non è asfaltato ed è polveroso. Quando piove diventa un acquitrino. D’inverno si trasforma in una palude e grossi topi vi trovano rifugio. Un tappetino d’asfalto è necessario. Per non parlare degli angoli esterni all’ex Tirassegno, a sud e a nord: sono trasformati in discariche a cielo aperto dove gettarvi di tutto, persino sanitari. Certo, non è colpa dell’amministrazione comunale né della PicenAmbiente: allora si provveda  a mettere le fototrappole. Almeno scoraggiano i maleducati».

 

«Via Volta – conclude Isopi  – è una delle strade nevralgiche del turismo estivo e vale quanto la vicina via Trento. Mentre via Trento è tirata  a lucido, via Volta è lasciata al declino».

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *