SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il barista non pulisce fuori dal locale, i vigili lo multano. E’ accaduto nel corso della notte tra sabato e domenica a San Benedetto del Tronto. Come ogni fine settimana il centro e il lungomare sono stati frequentati da molti giovani, giunti anche dalle località limitrofe. I ritrovi sono affollati da ragazzi in cerca di svago. Nel corso del pattugliamento gli agenti della Polizia locale hanno notato che nel perimetro esterno a un esercizio c’era sporcizia. Gli agenti hanno comminato la sanzione al titolare del locale, in quanto contravveniva all’ordinaza del sindaco n. 29 del 25 giugno 2018.

 

L’odinanza obbliga i ritrovi della cosiddetta movida “a provvedere alla completa pulizia ed igiene degli spazi esterni antistanti ed adiacenti agli esercizi, evitando esposizione o accumuli di rifiuti e mettendo a disposizione degli avventori idonei contenitori per i mozziconi di sigaretta, da svuotare costantemente”.

 

Ma c’è di più. La stessa ordinanza inasprisce la sanzione, fino alla chiusura del locale,  se l’esercente ripete la stessa infrazione. Recita l’ordinanza:  “Nei casi di reiterata inosservanza dei divieti di cui ai punti 1. e 2. della presente ordinanza, può essere disposta la sospensione dell’attività per un massimo di quindici giorni ad opera del Questore ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S., così come previsto dall’art. 12 del D.L. 20/02/2017 n. 14 convertito nella Legge 18/04/2017 n. 48.
La reiterazione si verifica qualora sia commessa la stessa violazione per due volte nell’arco di validità della presente ordinanza (fino al 1° novembre 2018, ndr), anche se si è proceduto al pagamento della sanzione ridotta”.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *