ASCOLI PICENO – È al neo istituito gruppo della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno che, da quest’anno, compete la c.d. “vigilanza fiscale” relativa all’intera Provincia, prima affidata alla locale compagnia ed a quella di San Benedetto del Tronto.

 

 

Il nuovo assetto dei reparti territoriali che, da un punto di vista ordinativo, è stato messo a punto dal Comando Generale del Corpo, ha coinvolto, infatti, anche la provincia picena attraverso un potenziamento della compagnia, elevata a livello di gruppo che, nella propria circoscrizione territoriale, si estende lungo tutta la fascia costiera, acquisendo ora, anche in punto di dipendenza gerarchica, il reparto di San Benedetto del Tronto.

 

 

Un impegno alquanto sostenuto quello del Magg. Rodolfo Minerva, primo Comandante del Gruppo Ascoli Piceno, che, unitamente al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, da sempre interessato alle attività istituzionali di maggiore spessore, dovrà perseguire le linee strategiche delineate dapprima dall’Autorità di Governo e, quindi, dal Comando Generale del Corpo.

 

 

Un assetto organizzativo che, nella sua attuale impostazione, riuscirà senza alcun dubbio a valorizzare il ruolo del nuovo reparto, come già attestato, ad esempio, dalla recente scoperta di frodi fiscali per diverse decine di milioni di euro, per le quali sono ora in corso di perfezionamento le fasi operative inerenti ai sequestri di beni e valori per correlati ingenti importi, frutto dell’ottimizzazione delle analisi di rischio, della mappatura territoriale dei fenomeni evasivi più consistenti, dell’imprescindibile utilizzo delle banche dati e delle sinergie operative con i diversi uffici della  pubblica amministrazione.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *