Ex Hotel Garden, «Costruttore contro costruttore e il silenzio della politica»