«Entusiasti di San Benedetto», una famiglia ci scrive