SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alla fine ce l’ha fatta. Il Dinner in the sky è stato issato a 50 metri dal suolo. Un risultato raggiunto nonostante gli ostacoli e solo dopo una strenua corsa contro il tempo.

 

Guarda il VIDEO dell’inaugurazione

 

 

Fino a tre giorni fa, l’assessore al commercio Filippo Olivieri sarebbe stato inavvicinabile, data la mole di telefonate fatte a destra e a manca per inaugurare il ristorante il prima possibile, nonostante la data d’esordio, fissata al 27 giugno, fosse già bruciata.

 

Autorizzazioni, certificati di sicurezza, nulla osta dell’Autorità Portuale. La commissione di vigilanza per il pubblico spettacolo tornava a riunirsi a pochi giorni di distanza dal vaglio del luna park. Un caso analogo, quello di Viale dello Sport, perché carta canta e anche qui la carta mancava.

 

Il pomeriggio di ieri, al Molo Sud, ha visto Erminio Giudici inforcare gli occhiali e ragionare gomito a gomito con Olivieri.

 

Oggi, nel gran giorno, un guasto alla corrente elettrica ha fatto ritardare l’inaugurazione di circa un’ora e mezza, mentre i gestori valutavano l’ipotesi di affidarsi ad un generatore.

 

Ma alla fine sindaco, assessori e consiglieri sono stati imbracati, dopo il taglio del nastro e le foto di rito. Vietato guardare in basso.

 

Ventidue posti, più un personale che varia dalle quattro alle sei persone. Incluso lo chef, che cucina sul momento su un set di piastre. Salire, mangiare, gustare il panorama e riscendere porta via un’ora. Di turni se ne fanno al massimo sei al giorno. Dinner in the sky sarà prenotabile fino al 14 luglio.

© Riproduzione riservata


Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *